8.11.11

idee da copiare: l'high line

Si parla tanto di ecosostenibilità e di riciclaggio ma si pensa sempre agli oggetti di uso comune, raramente alle aree dismesse.
In Italia ce ne sono tante, degradate e trasformate in luoghi di ritrovo malsani. Eppure, con un po' di buona volontà ed "armati" di soli buoni propositi, queste aree si potrebbero riconvertire  in parchi restituendo alle città dei luoghi per tutta la famiglia e soprattutto dei luoghi nei quali i ragazzi potrebbero passeggiare, giocare ed intrattenersi lontano dalla strada.


Un esempio lodevole è quello dell'High Line, a New York, aperto al pubblico nel giugno del 2009. Il nuovo parco è stato realizzato convertendo il tratto di ferrovia sopraelevato che attraversa il vecchio quartiere dei macellai “Meatpacking District”costruito nel 1930, per il traffico dei treni merci. 
L’idea della sua realizzazione nasce, alla fine degli anni Novanta, come reazione alla decisione del sindaco Giuliani di demolire il vecchio binario dismesso e fatiscente, dal gruppo “Friends of The High Line”  che, ispirato dalla folta vegetazione che lo ricopriva, pensò di realizzare una lunga passeggiata naturalistica affidando l’incarico allo studio di architettura Corner con gli architetti Diller Scofidio+Renfro. 
Il progetto fu presentato per la prima volta al pubblico in occasione della mostra tenutasi al MoMA, tra l’aprile e il luglio del 2005, suscitando tra gli avventori -me compresa- grande curiosità. Le tavole e i plastici del progetto illustravano chiaramente il desiderio di combinare il percorso con impianti naturalistici.

La presenza dei binari ricorda il motivo di esistere del ponte e nei tratti in cui non sono presenti sono comunque evocati dalle cesure della pavimentazione in calcestruzzo.

Il richiamo naturalistico è costante nell’High Line e non soltanto per la presenza della vegetazione ma anche per gli arredi che proseguono organicamente dai blocchi listellari del pavimento. 


Alcune rotaie sono state utilizzate per realizzare dei sedili mobili in legno.

Ogni elemento è studiato nei minimi dettagli. 

A sinistra l'IAC buiding progettato da Gehry e completato nel 2007.  

Le strade del quartiere, animate dal via vai delle persone, 
costituiscono le quinte sceniche del "teatro" a cielo aperto realizzato nell'High Line.


La sopraelevata di Manhattan è un esempio straordinario di "riciclaggio". Posso assicurarvi che questa passeggiata  lunga due chilometri e mezzo offre lo spettacolo di un paesaggio in continuo divenire. Da un lato l'affaccio sugli edifici del quartiere, dall'altro l'affaccio sul Waterfront di Greenwich, ma quello che mi interessa evidenziare con questo post è un atteggiamento mentale. Non si deve pensare che per realizzare delle grandi opere si debba partire necessariamente da grandi spazi. Anche un piccolo spazio può diventare straordinario e può essere trasformato in un angolo verde, in un'area gioco, in un luogo in cui tutta la famiglia possa rilassarsi.

Per informazioni su: progettazione architettonica, piano del colore, arredamento e decorazione,  cliccate qui.
Per sottoscrivere l'abbonamento ai feed cliccate qui.
Per essere aggiornati su tutte le novità seguitemi su facebook o twitter.

.........
ideas to copy: the high line

We talk about sustainability and recycling but we always think of everyday'S objects, rarely to the abandoned areas.

In Italy there are many degraded areas and turned into seedy hangouts. Armed  only with good intentions we could convert these areas into parks returning to the cities places for the whole family and especially where the kids could walk, play and spend their time away from the road.



One example is New York'S High Line, opened in June 2009. The new park was created converting a stretch of elevated railway that runs through the old butchers's quarter "Meatpacking District", built in 1930, for the traffic of freight trains.



The idea of the realization was born in the late nineties, in response to Mayor Giuliani's decision to demolish the old and disused track, the group "Friends of The High Line", inspired by the lush vegetation that covered it, thought to make a long nature walk giving the assignment to the architects Corner with Diller Scofidio+Renfro.

The project was presented to the public,  for the first time, 
 at the exhibition held at MoMA in the year 2005, arousing among customers -myself includedgreat curiosity. The models of the project illustrated clearly the desire to combine the route with natural plants.

The tracks are still evoked by the use of special-pieces in concrete paving.

The natural appeal in the High Line is constant and not only for the presence of vegetation but also for the furniture that continueorganically from the blocks of the floor panels.

Some tracks have been used to produce wooden furniture seating.

Each element is studied in detail.

In the second photo by the bottom, to the left, there is the IAC buiding designed by Frank Gehry and completed in 2007.

The park stretches for a mile and a half overlooking on the Greenwich Waterfront  and the district,an ever changing scene framed by the open-air theater and is a new attraction's pole in Manhattan.


Do you want design help? e-mailing me. 
To subscribe this blog click here
Follow me on facebook and twitter

3 commenti:

  1. Giulio R.9.11.11

    Salve Roberta, è la prima volta che lascio un commento anche se sono un visitatore assiduo da qualche mese ma stavolta desideravo esprimere la mia opinione perchè ho trovato interessante la tematica del recupero delle aree dismesse e l'idea di trasformarle in aree gioco per i nostri bambini. Dove vivo con la mia famiglia per raggiungere il parco dobbiamo necessariamente prendere l'auto e ogni mattina andando al lavoro passo davanti un'area che sino a qualche tempo fa era utilizzata dai ragazzini del quartiere per giocare al pallone. Quest'area è stata trasformata in parcheggio ad ore.

    RispondiElimina
  2. Questo tuo post è molto interessante. La riconversione di questo spazio dismesso che inizialmente doveva essere demolito è un grande esempio di come, con interventi mirati e senza stravolgere la struttura esistente, si possono riconsegnare ai cittadini spazi e luoghi ludici che hanno avuto tutt'altra destinazione. Giustamente come tu hai evidenziato fondamentale è un cambiamento di rotta, un atteggiamento mentale nuovo. Mi viene da pensare a tutti gli spazi abbandonati che campeggiano vicino casa mia, quanto si potrebbe fare!
    buona giornata nunzia

    RispondiElimina
  3. Silvano14.11.11

    Ho visitato l'high line quest'estate e lo spettacolo era davvero fantastico. C'erano tantissimi ragazzi, alcuni di loro prendevano il sole nei sedili sulle rotaie. Molti genitori passeggiavano con i bimbi nel passeggino e i bambini più grandi giocavano. La vegetazione poi era rigogliosissima. Insomma una bellissima passeggiata che fa dimenticare di trovarsi in fondo in un vecchio tratto di ferrovia. Sicuramente un esempio da imitare.

    RispondiElimina