16.5.11

la versatilità del design

Ho sentito spesso (non dai miei clienti!) che per arredare la casa si affrontano delle spese eccessive  e ancora di più quando arrivano i bimbi. Dal mio punto di vista questo succede perché quando ci si trasferisce in una nuova casa, senza mobili, ci si lascia prendere dall’horror vacui -il timore del vuoto- e si comincia a mettere e mettere introducendo nella vita di tutti i giorni arredi ed oggetti assolutamente inutili non soltanto dal punto di vista funzionale ma anche estetico. Degli elementi che non si richiamano tra loro, che non hanno un filo conduttore e che, di conseguenza, non sono capaci di raccontare una storia.
La casa rispecchia la personalità di chi la vive.  
Il mio suggerimento è quello di non avere fretta e di arredare la casa poco per volta, per quello che serve ma con elementi significativi.


Charles Eames & Ray Kaiser,  Sedia a dondolo - Rocking chair, 1950


Lo stesso discorso vale per la camera dei bambini o dei ragazzi. Inserire un oggetto di design nella loro camera è, a mio parere, educativo quanto un libro. Non è soltanto un manufatto ma è l’espressione di una cultura, di un momento storico, ed è sempre attuale. L’oggetto di design non passa mai di moda.
A titolo d'esempio ho scelto la sedia a dondolo progettata, nel 1950, dall'architetto Charles Eames e dalla designer Ray Kaiser. In quegli anni la ricerca nell'ambito dei materiali era all'avanguardia. Il sedile costruito in plastica rinforzata con fibre di vetro -sostituito nella produzione attuale dal propilene- è sostenuto da una struttura in acciaio a traliccio collegata ad elementi basculanti in legno.



Charles Eames & Ray Kaiser


Questa sedia è emblematica della versatilità del design. Si può utilizzare nei primi mesi di vita del bambino per farlo addormentare cullandolo dolcemente. Quando sarà un po' più grande potrà dondolarsi autonomamente e la sedia potrà essere utilizzata in tutti gli ambienti della casa, anche dagli adulti, integrandosi, per la sua eccezionalità, con il resto dell'arredamento.

Presentata per la prima volta al concorso "Low Cost Furniture Design" (Arredi di design a basso costo)del Museum of Modern  Art di New York continua dopo più di sessant'anni ad essere un oggetto contemporaneo, in linea con le tendenze architettoniche e l'arredamento del momento.  





Per informazioni sulla progettazione on line e le sedi dello studio potete contattarmi via e-mail.
Per sottoscrivere l'abbonamento ai feed cliccate qui.
Potete seguirmi anche su facebook e twitter.


.........


the versatility of design

I have often heard (not from my customers!) to decorate the house is very expensive and even more when they get the children. From my point of view this is because when peoplemoved into a new house, without furniture, are afraid of the empty room and start to put and put onintroducing into the lives of everyday furnishings and objects absolutely useless in terms of functionality and also aesthetic. Elements that do not refer to each other, without a wire conductor and, consequently, that are not able to reflects the personality of those who live. My suggestion is to not be in a hurry and furnish the house little by little with significant elements.

The same goes for children's room. To introduce a design object in their bedroom is, in my opinion, as an educational book. It is not only a product but the expression of a culture, a historical moment, and is always present. The object of design never goes out of fashion. For example I chose the rocking chair designed in 1950 by architect  Charles Eames and designer Ray Kaiser. In those years  research into materials was at the forefront. The seat constructed of plastic reinforced with glass fiber -substituted in the actual production from propylene- is supported by a steel truss structure connected to the overhead wooden elements.
This chair is emblematic of the versatility of the design. It can be used in the firstmonths of life of the child gently rocking him to sleep. When child is a bit bigger canswing independently and the chair can be used in any room in the house even by adults, integrating, for his exceptionality, with the rest of the furniture.
Presented for the first time at the "Low Cost Furniture Design " of the Museum of Modern Art in New York after more than six decades continues to be a contemporary object in line with architectural trends and furniture of the time. 



If you’d like to submit one question, about children's world, you can do e-mailing me. 

6 commenti:

  1. Condivido in pieno ciò che dici. Io ho sempre pensato che l' arredo di una casa non può mai essere "compiuto", dato che segue i cambiamenti che ognuno di noi vive nel corso della propria vita. Adesso che sono alle prese con la costruzione della nuova casa mi rendo conto ancora di più di quanto sia importante "dosare" gli arredi, capire bene gli spazi prima di riempirli inutilmente.
    Molto bella la sedia che suggerisci per la camera dei bambini. Spesso per i bambini si usano arredi, oggetti e accessori banali e stereotipati. Quanto sarebbe bello, invece, nutrire i loro occhi e le loro orecchie sin dalla più tenera età con oggetti, immagini, suoni degni della loro grandissima sensibilità e capacità di apprendimento.
    Buona giornata
    Nunzia

    RispondiElimina
  2. Nunzia: Grazie per il commento.

    RispondiElimina
  3. Salvo19.5.11

    Salve Roberta,
    mi vengono in mente i mobili vintage che in questo periodo vanno tanto di moda e come questi rimandando agli anni di produzione portano alla mente tanti ricordi legati alla società e ai costumi dell'epoca. In questo senso trovo azzeccata l'analogia oggetto di design/libro.

    RispondiElimina
  4. Io avrei una domanda. In mezzo a tantissimi oggetti, arredi, ecc. in produzione come posso riconoscere un oggetto di design?
    Saluti

    RispondiElimina
  5. Salvo: E' proprio quello che intendevo dire.
    Viola: Grazie per la domanda che naturalmente mi sono posta anch'io. Mi riservo la possibilità di rispondere in uno dei prossimi post.

    RispondiElimina
  6. Eliana4.6.11

    Questa sedia a dondolo è bellissima! Ed è molto bella anche la foto di chi l'ha progettata, rende tutto più familiare.

    RispondiElimina